Minori stranieri in Sicilia: Cnca, servono “regole e standard rigorosi ed esigenti”. A breve un seminario di analisi e proposte

“Le inchieste giudiziarie che hanno scoperto in Sicilia, tra Gela e Catania, una gravissima situazione che riguardava case di accoglienza per i minorenni stranieri sono solo l’ultimo caso esemplare di una questione che sia noi sia tante altre organizzazioni del terzo settore poniamo inutilmente da molto tempo: non si può gestire un sistema di accoglienza, per anni, con semplici procedure di emergenza”, dichiara Liviana Marelli, del Coordinamento nazionale comunità di accoglienza (Cnca). “Solo regole e standard rigorosi ed esigenti possono contrastare il malaffare”, continua Marelli. “Anche per questo abbiamo considerato del tutto errato sguarnire il sistema Sprar in favore dei centri di accoglienza straordinari, sottoposti a una regolamentazione meno stringente, come ha ritenuto di fare il governo. Più che approvare ‘decreti sicurezza’ occorre implementare un sistema di accoglienza adeguato, che assicuri il rispetto dei diritti delle persone straniere, dei minorenni in particolar modo, e – nel contempo – impedisca l’ingresso nel settore di soggetti senza scrupoli. Ci sono tante comunità, in Sicilia e in Italia, che sono in grado di offrire accoglienza di qualità e rispetto umano. Il Cnca organizzerà, tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo del 2019, un seminario ad hoc, a Catania, per analizzare la situazione dell’accoglienza dei minorenni stranieri non accompagnati in Sicilia e avanzare precise richieste ai decisori politici, d’intesa con altre organizzazioni sociali attive nella regione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa