Opera San Francesco: dal “Cantante della solidarietà” 1,5 tonnellate di pasta e 10 volontari per servire alla mensa dei poveri

Una tonnellata e mezza di pasta in dono e una decina di volontari per un giorno a servizio di chi è in difficoltà. Questo l’apporto che Salvatore Ranieri, insieme a un gruppo di volontari della Onlus “Il Cantante della solidarietà”, darà venerdì a Opera San Francesco per i poveri. Da diversi anni il “Cantante della Solidarietà” – giunto nel 2018 al suo ventennale d’attività – sostiene la struttura creata nel 1959 dai frati Cappuccini in via Piave a Milano dove quotidianamente senza dimora e persone in difficoltà trovano un pasto caldo, una doccia e un cambio d’abito, cure mediche e medicinali, ascolto e conforto. Giovani e anziani, italiani e stranieri, in più di 2.500 bussano ogni giorno – all’ora di pranzo e a quella di cena – alla porta delle Mense di Opera San Francesco. Oltra a confermare la propria donazione annuale di generi alimentari, quest’anno una decina di volontari si presterà a servire, al mattino e alla sera, gli ospiti della mensa. Nel 2019 l’Opera celebrerà i suoi 60 anni di attività. Nell’ultimo anno, grazie al lavoro e all’impegno di quasi 1000 volontari e alla generosità di molti benefattori, ha garantito 738.363 pasti caldi, 34.440 visite mediche, 65.604 prestazioni al servizio docce, 9.772 cambi d’abito per un totale di 26.487 persone accolte. Anche quest’anno, in occasione del Natale, le mense rimarranno aperte.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa