Diritti umani: mons. Hoogenboom (Comece), “centralità della dignità umana nel contesto delle prossime elezioni europee”

(Bruxelles) In un messaggio in occasione del 70° anniversario della Dichiarazione dei diritti umani, mons. Theodorus Hoogenboom (Comece) riprende quanto affermato da Papa Francesco sulla “relazione significativa tra il messaggio del Vangelo e il riconoscimento dei diritti umani nello spirito di coloro che hanno redatto la Dichiarazione universale dei diritti umani”: sono infatti “condivisi dalla razza umana”, e “proclamati per rimuovere le barriere che dividono la famiglia umana e favorire ciò che la dottrina sociale della Chiesa chiama sviluppo umano integrale”. Mons. Hoogenboom sottolinea inoltre come il 70° anniversario della Dichiarazione guardi “al futuro” e dia “l’opportunità di ribadire la responsabilità primaria delle autorità pubbliche nel promuovere e proteggere i diritti umani”, con il coinvolgimento di “tutte le parti interessate in questo processo”, così come indichi “la centralità della dignità umana nel contesto delle prossime elezioni europee”. Poiché la “promozione e la protezione dei diritti umani sono le fondamenta su cui si può costruire una società giusta, a livello nazionale e internazionale”, conclude il messaggio, “tutti noi dobbiamo essere attori, non semplici spettatori, ed essere pronti ad assumere in Europa la nostra responsabilità condivisa nel promuovere e proteggere la dignità della persona umana e dei diritti umani fondamentali che ne derivano”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo