Brexit: salta il voto a Westminster fissato per domani. Premier May cerca una nuova via d’uscita

Theresa May cerca una via d’uscita per evitare una sonora bocciatura in Parlamento sull’accordo stipulato con l’Unione europea per il recesso fissato al 29 marzo prossimo. Il voto di domani a Westminster verrebbe posticipato, ma occorrerà attendere ulteriori particolari sulla “strategia” decisa dalla premier. Il voto ritardato, alla prossima settimana oppure dopo Natale, risulta come evidente ammissione da parte della premier di non avere una maggioranza in Parlamento disponibile a sostenere tale accordo. Appena trapelata la notizia dello spostamento del voto, il valore della sterlina è precipitato. Da Bruxelles, un portavoce della Commissione conferma: “Questo accordo è il migliore e il solo possibile ad oggi”. “La nostra posizione non è quindi cambiata e, per quanto ci riguarda, il Regno Unito lascerà l’Ue il 29 marzo 2019. Siamo pronti per tutti gli scenari possibili”. Da parte sua il leader laburista, Jeremy Corbyn, ha dichiarato: “Il governo ha deciso che l’accordo sul Brexit di Theresa May è talmente disastroso che ne ritarda il voto”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo