Diocesi: Termoli-Larino, dal 12 novembre la “Settimana del povero” per riflettere su carità e senso del volontariato

Un’intera settimana dedicata a chi è in difficoltà. È la “Settimana del povero”, che la Caritas di Termoli-Larino e promuove, per il primo anno, dal 12 al 18 novembre. L’iniziativa è stata pensata e voluta come un tempo di “Caritas aperta”: aperta ai poveri, agli ultimi, ai senza fissa dimora, agli stranieri, alle persone sole affinché possano trovare a colazione, a pranzo e a cena, e non solo a pranzo come d’abitudine, un luogo in cui consumare un pasto caldo e sentire l’affetto di una casa e di una famiglia. Una “Caritas aperta”, allo stesso tempo, anche agli studenti delle scuole, ai giovani e ai tanti cittadini per promuovere riflessioni ed esperienze sul senso della carità e del volontariato. Sarà un’occasione per conoscere i servizi offerti, gli operatori e gli ospiti dei servizi che ogni giorno si occupano di povertà, disagio e marginalità sull’intero territorio diocesano.
La “Settimana del povero” è stata presentata nella sala della Cittadella della Carità dal responsabile del Centro pastorale per lo Sviluppo umano integrale, don Stefano Chimisso, dal direttore della Caritas diocesana, suor Lidia Gatti e dagli operatori Gianni Pinto, Paola De Lena e Rossella Riccelli evidenziando, tra le altre cose, “la necessità di avvicinare tutti e in particolare i più giovani a questo mondo, creando una mentalità che consideri il povero come persona soggetto di diritti e non come lo scarto della società rispondendo, di fatto, al messaggio del Papa per la seconda Giornata mondiale dei poveri”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa