Religioni e società: Ifiie, domani alla Farnesina il seminario interdisciplinare “Women, Faith and Culture”

Favorire la collaborazione tra attori religiosi e laici nell’elaborazione di politiche estere e di discorsi pubblici sui diritti delle donne. È l’obiettivo del seminario interdisciplinare “Women, Faith and Culture” che si terrà domani a Roma presso la sede del ministero degli Affari esteri (piazza della Farnesina, 1) per iniziativa della International Foundation for Interreligious and Intercultural Education (Ifiie) e vedrà la partecipazione di studiosi da Nord Africa, Asia, Europa e Stati Uniti. Ad inaugurare i lavori il saluto di Enzo Moavero Milanesi, ministro degli Esteri italiano; Callista Gingrich, ambasciatore Usa presso la Santa Sede; May Malhzoumi, libanese e  presidente dell’omonima Fondazione. Nelle prime due sessioni del seminario il ruolo e lo status delle donne sarà analizzato dal punto di vista filosofico, teologico e sociologico; le ultime due si concentreranno invece sul ruolo che religioni e governi possono giocare nel plasmare le politiche e il discorso pubblico sui diritti delle donne. Tra i relatori Diego Sarriò Cucarella, rettore del Pisai (Pontifical Institute for Islamic and Arabic Studies); Azizah al-Hibri, fondatore e presidente della Karamah Foundation;  Sara Borrillo, ricercatrice all’Università di Napoli “L’Orientale”; Giorgia Salatiello, docente di filosofia alla Pontificia Università Gregoriana; Angela Ales Bello, già decano della Facoltà di filosofia alla Pontificia Università Lateranense; Francesca Brezzi, presidente Osservatorio studi di genere Università Roma Tre; Joseph Levi, rabbino capo emerito di Firenze; i rabbini Naomi Kalish, coordinatrice del Pastoral Care and Education at NewYork-Presbyterian Morgan Stanley Children’s Hospital, e Jack Bemporad, direttore del Center for Interreligious Understanding (Usa).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori