Germania: Colonia, la grande “campana di Peter” torna a suonare

Tornerà presto a far sentire i suoi tocchi la famosa Petersglocke, la più grande campana ad oscillazione libera del mondo della Chiesa cattolica, orgoglio e vanto della cattedrale di Colonia. Silenziata da quasi due anni per gravi problemi di asse del batacchio, risultato troppo pesante, la campana è stata restaurata e farà sentire i suoi rintocchi nel giorno di Ognissanti. Il batacchio originale, pesante 800 kg, è risultato essere non perfettamente centrato causando dei rintocchi sfasati e non simmetrici tra le due parti della campana. Le indagini della Dombauhütte, l’organizzazione delle maestranze della Fabbrica del Duomo, hanno rilevato che l’errore era originario sin dal posizionamento della campana nel 1923. Durante i quasi due anni di restauri è stato fuso un nuovo sostegno per la Petersglocke che consente al batacchio di muoversi orizzontalmente con precisione millimetrica. Il costo dell’intervento, circa 60mila euro, è stato finanziato da una campagna di donazioni da parte della Fondazione culturale di Colonia, e ha coinvolto nel progetto diversi partner, tra cui il Politecnico di Colonia, l’antica fonderia di campane Mark a Brockscheid, e varie aziende private specializzate in tecnologie di calibratura metallica. Con un peso di circa 24 tonnellate e un diametro di 3,22 metri, la Petersglocke è stata per lungo tempo la più grande campana a movimento libero del mondo. Nel novembre del 2016 è stata superata dalla nuova campana principale della cattedrale ortodossa di Bucarest, che pesa oltre 25 tonnellate per un diametro di 3,35 metri.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa