Germania: Andonie (Bdkj), “l’attuazione delle richieste sinodali non può tollerare ritardi. Più coraggio sull’omosessualità”

La Confederazione dei giovani cattolici tedeschi (Bdkj) trae una sintesi positiva del Sinodo sui giovani. Il presidente nazionale, Thomas Andonie, che era uno dei 49 auditori, è complessivamente soddisfatto. Cruciale per lui ora è che “il Sinodo ha dimostrato che le questioni che sono importanti per i giovani si trovano nella chiesa, quando le domande vengono poste e ci si confronta, si dialoga e ci si confronta a pari condizioni. Questo principio è ora a tutti i livelli della Chiesa – dalla Conferenza episcopale alla parrocchia – per proseguire su questa strada”. Thomas Andonie ha sottolineato che “è stato un grande onore per me rappresentare i giovani dalla Germania qui al Sinodo. Abbiamo compiuto buoni progressi su alcune questioni, come la questione delle donne nella guida della Chiesa. L’attuazione delle richieste sinodali non può tollerare ritardi, e i nostri vescovi in Germania possono essere sicuri del pieno sostegno della Bdkj”. Andonie è soddisfatto dell’approccio al tema degli abusi sessuali, così come è stato fatto al Sinodo: “Era importante che anche il Sinodo riprendesse questo argomento. Questa ingiustizia deve essere elaborata, combattuta e risolta risolutamente, sia nei singoli casi che strutturalmente”. Una critica Andonie la pone sulla questione del rapporto tra la Chiesa e l’omosessualità: “Riguardo alla questione di come la Chiesa affronta le relazioni tra persone dello stesso sesso, noto che molti vescovi trovano ancora molto difficile accettare le persone così come sono. Tuttavia, trovo anche una grande tensione tra i vescovi. A questo punto avrei desiderato più coraggio e, soprattutto, più fiducia nei giovani”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy