Fondo pensioni ai perseguitati: Ucei “prende atto” delle rassicurazioni di Quirinale e Governo. “Giustizia nei confronti vittime cardine nostra democrazia”

Rassicurazioni dal Quirinale e dal Governo sono pervenute all’Unione delle Comunità ebraiche italiane riguardo al timore che il decreto fiscale prevedesse il taglio del fondo pensioni destinato alle vittime delle leggi razziste e ai perseguitati dal fascismo. “Secondo gli aggiornamenti ricevuti e accolti con sollievo dall’Ucei – si legge in una nota dell’Unione – gli importi cancellati nel provvedimento fiscale fanno riferimento ad avanzi di bilancio derivanti dalla normale diminuzione del numero degli assistiti. Tali importi vengono così rimessi a disposizione del bilancio generale dello Stato.  L’Unione delle Comunità ebraiche italiane prende atto di tali opportune precisazioni e prosegue nel proprio impegno per semplificare la procedura prevista oggi dalla legge e per la risoluzione dei casi tutt’ora pendenti e in attesa di riconoscimento di benemerenza dai perseguitati. “La giustizia nei confronti di coloro che ebbero a soffrire delle persecuzioni deve restare un cardine del nostro ordinamento e della nostra democrazia e il miglior modo di onorare una memoria viva e consapevole”.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy