Diocesi: Caritas Benevento, presentato a Roma il #ilCamperdelWelcome. Obiettivo “sminare l’odio prima delle elezioni europee del 2019”

È stato presentato, a livello nazionale, oggi a Roma, nella sede di Caritas Italiana, #Ventotene, #ilCamperdelWelcome, promosso dalla Caritas diocesana di Benevento. “Per Caritas italiana – ha dichiarato il suo direttore, don Francesco Soddu – questo viaggio è un invito a lavorare per ‘la cultura dell’incontro’: non solo vedendo ma guardando, non solo sentendo ma ascoltando, non solo incrociando persone, ma fermandosi con loro, come ha detto anche Papa Francesco”.
“Anci condivide spirito, merito e metodo dell’iniziativa del Welcome perché mette al centro i territori, perché crede nel welfare pubblico, perché sa che non ci sono bisogni di serie A e bisogni di serie B. Siamo idealmente su quel Camper e presto ci saremo anche fisicamente”: questa la dichiarazione dell’Anci, riportata alla presentazione da Victor Magiar, responsabile comunicazione del Servizio centrale nazionale Sprar. “Noi di Unhcr – ha detto Carlotta Sami, portavoce Unhcr Sud-Europa – stiamo conducendo da tempo un’azione di sensibilizzazione delle comunità sull’accoglienza, ma vorremmo portare avanti una rete capillare come quella dei comuni del Welcome”.
“Questo Camper è una casa – ha affermato don Nicola De Blasio, direttore di Caritas Benevento –, è una famiglia, che si mette in marcia per raggiungere altre case e altre famiglie. Il Camper è annuncio di incontro, è testimonianza di una relazione possibile tra le persone e tra le persone e i loro territori”. “Dobbiamo uscire e incontrare piazze vere e non più virtuali – ha sottolineato Gabriella Debora Giorgione, responsabile comunicazione della “Rete Caritas-Sale della Terra” e della “Rete dei piccoli comuni del welcome” –. Le persone che abbiamo incontrato in queste prime tappe mostravano un grande desiderio di dialogo, volevano un messaggio autentico di speranza e senza odio”.
Interventi di sostegno all’iniziativa anche da Giorgio Menchini, presidente di Cospe, Carlo Cefaloni, giornalista di Città Nuova; Oliviero Forti, responsabile Area Immigrazione di Caritas Italiana, che ha salutato il viaggio di #Ventotene, #ilCamperdelWelcome come una “preziosa azione sui territori, una coraggiosa iniziativa da seguire e sostenere”.
Ha concluso l’incontro, moderato dalla giornalista Clara Iatosti, Angelo Moretti che ha chiarito: “Ventotene è per noi un primo vero candidato per la costruzione di una nuova unità europea, a partire dal cambiamento del modello di sviluppo delle aree rurali, che costituiscono oltre l’80% del nostro territorio comunitario pur essendo abitati da poco meno del 20%. Ventotene è un viaggio lungo cento comuni e lungo un anno. Ha un suo orizzonte preciso: sminare l’odio dai campi prima di maggio 2019. Convertire la paura dei piccoli comuni in speranza di una buona accoglienza , in una parola ‘futuro’. Far sì che il voto europeo possa spegnere gli incubi già vissuti dei muri e delle separazioni e generare nuovi sogni”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy