Sinodo 2018: documento finale, “più presenza femminile negli organi ecclesiali a tutti i livelli”

foto SIR/Marco Calvarese

“Una Chiesa che cerca di vivere uno stile sinodale non potrà fare a meno di riflettere sulla condizione e sul ruolo delle donne al proprio interno, e di conseguenza anche nella società”. “I giovani e le giovani lo chiedono con grande forza”. Nel documento finale del Sinodo è molto presente la questione femminile, ampiamente dibattuta durante i lavori. “Le riflessioni sviluppate – si legge nel testo – richiedono di trovare attuazione attraverso un’opera di coraggiosa conversione culturale e di cambiamento nella pratica pastorale quotidiana”. “Un ambito di particolare importanza”, a questo riguardo, “è quello della presenza femminile negli organi ecclesiali a tutti i livelli, anche in funzioni di responsabilità, e della partecipazione femminile ai processi decisionali ecclesiali nel rispetto del ruolo del ministero ordinato. Si tratta di un dovere di giustizia, che trova ispirazione tanto nel modo in cui Gesù si è relazionato con uomini e donne del suo tempo, quanto nell’importanza del ruolo di alcune figure femminili nella Bibbia, nella storia della salvezza e nella vita della Chiesa”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa