Diocesi: Porto-Santa Rufina, nasce a Ladispoli un Osservatorio sociale nella parrocchia del Sacro Cuore

Viene inaugurato oggi l’Osservatorio sociale d’ispirazione cristiana della parrocchia del Sacro Cuore di Ladispoli (Rm), con un incontro dibattito sul tema “Un ponte tra aspettative sociali e scelte”. “Vogliamo attivare un confronto e un ascolto con tutte le realtà, ecclesiali e non, per rivitalizzare la presenza di alcuni valori civili che fanno parte anche del patrimonio cristiano sul nostro territorio” riferisce al Sir Carlo Di Gianfrancesco, presidente del neonato osservatorio di Ladispoli. “L’impulso è nato dal nostro parroco, don Giovanni Righetti, in accordo con il vescovo di Porto-Santa Rufina. Lavoreremo in sinergia con la Caritas della nostra città e di tutta la diocesi di Porto-Santa Rufina” precisa. Oltre a convegni su temi specifici, l’Osservatorio lavorerà con analisi di dati su fenomeni territoriali, su cui poi intervenire con orientamenti positivi: “Il nostro obiettivo è creare un centro di idee e condivisione per fare rete e facilitare aspettative e scelte applicate al territorio”. L’idea dell’incontro e del pluralismo di voci è presente già nel primo incontro di sabato, a cui parteciperanno, tra gli altri, il sindaco di Ladispoli Alessandro Grando e quello di Cerveteri Alessio Pascucci, l’incaricata per il laicato della Conferenza episcopale laziale Maria Graziano, Simone Ciampanella dell’Ufficio diocesano per le comunicazioni sociali, il dirigente scolastico Isabella Palagi e il giornalista Emanuele Rossi. “Sono diverse le iniziative parallele sul nostro territorio che si occupano del sociale”, conclude Di Gianfrancesco.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa