Papa Francesco: libro-intervista, “santuarizzare le parrocchie”

“Ci sono parrocchie a Buenos Aires che si trovano in posti di passaggio, di facile accesso. Ce ne sono altre che si trovano in quartieri piccoli. Quando parlo di ‘santuarizzare le parrocchie’, mi riferisco alle prime. Non a quelle dei quartieri più piccoli”. È quanto si legge nel libro-intervista a Papa Francesco in dialogo con Alexandre Awi Mello, segretario del Dicastero per i laici, la famiglia e la vita, dal titolo “È mia madre. Incontri con Maria” (edizioni Città Nuova), in libreria da oggi. Guardando al significato concreto di questa espressione, il Pontefice spiega che significa “tenere la porta aperta tutto il giorno, che ci sia sempre un prete disponibile per confessare e una persona per accogliere chiunque voglia chiedere qualcosa”. Secondo il Papa, nella pastorale urbana è necessario “creare un’opzione battesimale”, cioè “santuarizzare la parrocchia significa che il battesimo è a disposizione”. “C’è gente che è credente, ma che non ha battezzato i suoi figli; non li ha battezzati e dopo ha lasciato passare il tempo e non l’ha più fatto – afferma Francesco -. Credo, quindi, che quando c’è una fede così, anche se è un po’ nebulosa, la fede c’è, c’è anche se manca la catechesi dottrinale o altro. Si può avere una breve conversazione sull’essenziale e puntare al periodo postbattesimale, puntare alla grazia”.

Papa Francesco applica lo stesso concetto al sacramento del matrimonio: “Santuarizzare la parrocchia si applica anche ai matrimoni – sostiene -. C’è gente che non si sposa in chiesa perché vuole fare festa ed è caro, bisogna avere i vestiti adeguati. Scelgono di sposarsi civilmente. Allora si può dire loro: ‘dopo esservi sposati in municipio, passate di qua e vi sposo’. La Chiesa al servizio del pellegrino, a condizione che il fedele sia un pellegrino. Certi sono erranti ed entrano per caso in chiesa e ne escono come pellegrini. Questa è l’idea di ‘santuarizzare la parrocchia’”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa