Famiglia: Shen (psiconalista), politica del figlio unico in Cina ha avuto “effetti disastrosi” e ha portato al fenomeno delle “donne mancanti”

La politica del figlio unico in Cina, introdotta nel 1980, ha avuto “effetti disastrosi” dal punto di vista “psicologico, sociale e culturale” e “ha influenzato molto l’anima del Paese”. A sottolinearlo è stato Heyong Shen, psiconalista, docente alla City University di Macao, che intervenendo al seminario di studio “Un cuore largo. La provocazione del figlio unico”, promosso dal Pontificio Istituto Teologico Giovanni Paolo II per le scienze del matrimonio e della famiglia, si è soffermato sul tema delle “donne mancanti e della perdita della femminilità”. Sebbene infatti “da tre anni a questa parte, il Governo abbia cambiato la politica che ora consente di avere due figli, l’impatto della legge precedete resiste”. “Sulla base di casi clinici, si registrano sintomi gravi che derivano dalla violenza politica: disturbi dell’alimentazione, comportamenti sessuali inappropriati, pensieri suicidari”, ha osservato Shen ricordando che “a livello sociale si constata una riduzione del tasso di natalità, che continua a scendere”. Nella sua relazione, Shen ha fatto riferimento alle donne “costrette ad abortire anche se al settimo, ottavo e nono mese di gravidanza” e alle “pratiche di aborto selettivo che comportano un eccesso di uomini rispetto alle donne e al conseguente rifiuto e abbandono di molti bambini”. “La politica del figlio unico interrompe le relazioni di fiducia, di umanità e di sviluppo della femminilità”, ha rilevato lo psiconalista per il quale “quando si parla di donne mancanti, non parliamo solo di individui, ma anche di una mancanza culturale”. “Il problema delle donne mancanti in Cina ha implicazioni non solo per la realtà sociale, a livello di squilibrio di distribuzione di genere, ma anche a livello culturale in quanto è stato distrutto l’archetipo della femminilità interiore”, ha spiegato Shen che ha chiuso il suo intervento con un pensiero “ai bambini mai nati, alle donne mancanti e alla femminilità scartata”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa