Diocesi: Potenza, intitolato a don Di Liegro il primo Emporio solidale della Caritas inaugurato in Basilicata

È stato inaugurato nei giorni scorsi e sarà operativo a inizio novembre l’Emporio solidale promosso dalla Caritas dell’arcidiocesi di Potenza-Muro Lucano-Marsico Nuovo e realizzato grazie anche ai finanziamenti di Caritas italiana con i fondi dell’otto per mille al progetto “I penultimi saranno i primi”. “Abbiamo intitolato l’emporio a don Luigi Di Liegro, storico direttore della Caritas romana, precursore dell’idea dell’emporio e per noi ispiratore di tante azioni quotidiane” spiega al Sir Marina Buoncristiano, responsabile del progetto. “Partiamo con due aperture settimanali e un accesso a cinquanta famiglie, con l’obiettivo di aumentare l’offerta. Abbiamo ricevuto donazioni da aziende nazionali e locali. Pensiamo di fare raccolte in supermercati, parrocchie e porta a porta nei quartieri, così da incontrare persone che diversamente non incontreremmo e scoprire magari altri bisogni Lavoriamo inoltre in sinergia con i comuni, per mettere l’emporio a disposizione di progetti condivisi sul reddito d’inclusione”, aggiunge. L’emporio solidale, che ha sede nel comune di Tito, fa parte di un progetto integrato e articolato della Caritas diocesana: “Il nostro centro diocesano si trova a Bucaletto, quartiere periferico nato dopo il sisma del 1980 e ancora oggi una baraccopoli che raccoglie non più i terremotati ma le famiglie più disagiate della città, italiane e straniere” riferisce ancora marina Buoncristiano. “Lì abbiamo creato un centro di aggregazione per famiglie e strutturato una comunità sussidiaria tra di loro, dove proponiamo formazione certificata, orientamento al lavoro, percorsi contro lo spreco e per un’alimentazione sana. In questa logica, anche nell’emporio avremo un laboratorio per raccogliere eccedenze alimentari che mense e ristoranti vorranno donarci”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa