Diocesi: Caritas Benevento, “il tasso di disoccupazione nel Sannio è del 30% per i giovani tra i 25 e i 30 anni”

“Quest’anno oltre il Dossier sull’inclusione sociale, presentiamo un focus sui giovani in occasione del Sinodo. Siamo convinti che oggi la Chiesa debba promuovere e sostenere tutte le iniziative di sostegno al lavoro e al contrasto alla disoccupazione che coinvolgono i giovani, promuovendo quelle attività che creano sviluppo nei nostri territori”: così don Nicola De Blasio, direttore della Caritas diocesana di Benevento, ieri, alla conferenza di presentazione del Dossier 2017-2018 sull’inclusione sociale dal titolo “Con i giovani per sognare, rischiare, testimoniare”. “Noi vogliamo intercettare – ha proseguito don De Blasio – i tanti sogni dei giovani che vengono da noi e cercare di trasformarli in possibilità. Vogliamo dimostrare che impegnarsi in prima persona per testimoniare che un mondo migliore è possibile, costruire una società diversa è possibile. Tutto però parte dall’ascolto”.
Maria Pia Mercaldo, responsabile dell’Osservatorio Povertà e Risorse della Caritas diocesana di Benevento, ha illustrato i dati del Dossier: “Il tasso di disoccupazione nel Sannio è pari al 30% per i giovani tra i 25 e i 30 anni e il 33% solo nella città di Benevento”. Sulla base degli studi elaborati dai centri d’ascolto parrocchiali e da quello diocesano, “la percentuale dei giovani tra i 25 e i 30 anni assistiti è pari al 17,1%”. I bisogni degli ascolti registrati nell’anno 2017-2018 sono principalmente relativi a “problemi economici e povertà, pari al 59%, e problemi di occupazione lavorativa, pari al 56,6%”. Ancora: “Gli interventi più effettuati sono beni e servizi materiali, pari al 72%, e i sussidi economici, pari al 16.6%. I dati mensa indicano un aumento di circa 2500 pasti nell’anno 2017”.
Il Focus sui giovani presente nel dossier è stato realizzato grazie alla somministrazione di test a giovani tra i 15 e i 35 anni. Di questi, 60 giovani sono della diocesi di Benevento, 25 sono di fuori diocesi. Solo il 26% dei giovani intervistati ha un lavoro. Si rileva poi un 11% di Neet, persone non impegnate nello studio, né nel lavoro né nella formazione. Il 52% dei giovani intervistati vuole andare via da Benevento, soprattutto per mancanza di lavoro.
“La mia funzione ecclesiale è l’ascolto. Mettiamoci in discussione e andiamo incontro ai giovani. Dedichiamo tempo di qualità all’ascolto. Ascoltare non è facile, ma è certamente necessario. Ha una funzione terapeutica. I giovani sanno che il problema molto spesso non può essere risolto, ma hanno bisogno di essere ascoltati. Bisogna ascoltare senza pregiudizi”, l’invito di mons. Felice Accrocca, arcivescovo di Benevento.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia