Scuola cattolica: il 13 ottobre Giornata pedagogica e presentazione di “Personalizzazione e progetto educativo”

Liberante, integrale, originale, socializzante, evolutiva, perfezionante. Per Sergio Cicatelli, coordinatore scientifico del Centro studi per la scuola cattolica (Cssc) dell’Ufficio nazionale Cei per l’educazione, la scuola e l’università, devono essere queste le caratteristiche di un’educazione personalizzata. Lo sostiene nel XX Rapporto del Centro studi “Personalizzazione e progetto educativo”, che verrà presentato a Roma il prossimo 13 ottobre, XI Giornata pedagogica della scuola cattolica, dedicata allo stesso tema. Il volume raccoglie contributi di specialisti del  settore. Tra questi, Giuseppe Zanniello (Università di Palermo) sottolinea la “corresponsabilizzazione del discente nel processo di apprendimento”; Dario Nicoli (Università Cattolica), sottolinea come si tratti di “un ritorno all’educazione”. Ezio Delfino, presidente Disal (Dirigenti scuole autonome e libere), chiede agli insegnanti di “abbandonare una visione impiegatizia” della professione; ai dirigenti di puntare all’organizzazione di “un contesto scolastico finalizzato alla personalizzazione”. Pedagogia ignaziana e opportunità offerte dall’autonomia sono il mix a fondamento dell’esperienza in corso nell’Istituto Gonzaga di Palermo, illustrata da p. Eraldo Cacchione, coordinatore didattico dei licei dell’istituto. L’argomento è inoltre oggetto di una indagine empirica sull’attenzione dedicata dalle scuole cattoliche italiane al loro progetto educativo e alla presenza di scelte dettate dalla metodologia della personalizzazione, che ha coinvolto oltre 3 mila scuole e corsi di formazione professionale. Il volume si conclude con la consueta sintesi statistica sui principali dati del sistema di scuola cattolica in Italia. Quest’anno, in occasione del ventesimo Rapporto, viene proposta un’ampia ricostruzione storica sui dati degli ultimi due decenni.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa