Arte: a Palermo una installazione con migliaia di facce e un concerto per dire “restiamo umani”

Una gigantesca opera d’arte collettiva con migliaia di facce per difendere la volontà di “restare umani”. Oltre quattromila ritratti fotografici, in formato 100 x 140cm, esposti su un’area di cinquemila mq di superficie, per lanciare un messaggio chiaro e condiviso su un tema più che mai attuale: l’integrazione. È Inside Out “Palermo – Restiamo Umani”, un progetto di arte partecipativa organizzato da ArtsFor_, che insieme all’artista francese “JR”, creatore del format originale, ha dato il via al progetto in Italia, portandolo in giro per le piazze e le strade di 13 comuni, da Milano a Napoli fino a Palermo, dove arriva per l’edizione più grande mai realizzata in tutto il mondo. L’iniziativa si svolgerà domani, 11 ottobre, nella piazza del Parlamento e nel Palazzo Reale di Palermo. È stato voluto dalla Fondazione Federico II e dall’Assemblea regionale siciliana, in collaborazione con il Dipartimento regionale dei beni culturali dell’Assemblea regionale siciliana e Sky Arte. Per sostenere il progetto si esibiranno numerosi artisti tra i quali Mario Venuti, Lello Analfino, Salvo Piparo, Eleonora Tomasino, i Doudou group la band multietnica che prende il nome dal suo leader senegalese Doudou Diouf. “Il Palazzo Reale – afferma il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè – ha rappresentato nei secoli punto di incontro di popoli, linguaggi, culture. Oggi il Palazzo è il luogo in cui celebriamo l’integrazione con un’istallazione e un concerto unico che vede il sostegno autentico e amorevole di artisti di fama nazionale e di diverse culture. La razza invece è una sola. Dal balcone del Palazzo si esibiranno a braccetto artisti italiani e africani”. Creato dallo street artist JR, che lo concepì come mezzo per condividere attraverso il personale ritratto rigorosamente in bianco e nero, storie e pensieri di denuncia di un contesto sociale difficile come quello delle banlieue parigine, Inside Out dal 2011 – anno in cui JR vince il Ted prize per il progetto – ha coinvolto 260.000 persone in 129 Paesi, ispirando azioni di gruppo su temi come la speranza, la diversità, la violenza di genere, il cambiamento climatico. Inside Out è diventato oggi una piattaforma globale che permette alle persone di trasformare messaggi d’identità personale in pezzi di arte pubblica.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia