Istat: a dicembre 2017 la stima degli occupati diminuisce dello 0,3%. Cala il tasso di disoccupazione giovanile (32,2%)

Dopo la crescita nel mese di novembre “a dicembre 2017 la stima degli occupati diminuisce dello 0,3% (-66mila), tornando al livello di ottobre. Il tasso di occupazione scende al 58,0% (-0,2 punti percentuali)”. Sono i dati provvisori diffusi oggi dall’Istat su “Occupati e disoccupati” in Italia. “Il calo dell’occupazione nell’ultimo mese – spiega l’Istituto nazionale di statistica – interessa entrambe le componenti di genere e tutte le classi di età ad eccezione degli ultracinquantenni. Risultano in diminuzione i dipendenti, sia permanenti sia a tempo determinato, mentre rimangono stabili gli indipendenti”. L’Istat ha registrato nel trimestre ottobre-dicembre 2017 un lieve incremento degli occupati rispetto al trimestre precedente (+0,1%, +16mila); “la crescita – si legge in una nota – interessa prevalentemente le donne e si concentra soprattutto tra gli over 50 e, in misura più lieve, anche tra i giovani di 15-24 anni, a fronte di un calo nelle classi 25-49 anni. L’aumento è stimato esclusivamente per i dipendenti a termine, mentre calano i permanenti e gli indipendenti”. Per quanto riguarda le persone in cerca di occupazione, la stima a dicembre diminuisce per il quinto mese consecutivo (-1,7%, -47mila). “La diminuzione della disoccupazione interessa donne e uomini e si distribuisce tra tutte le classi di età ad eccezione dei 25-34enni”, rileva l’Istat, secondo cui “il tasso di disoccupazione si attesta al 10,8% (-0,1 punti percentuali rispetto a novembre), mentre quello giovanile scende al 32,2% (-0,2 punti)”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy