Diocesi: Genova, lettera-invito del card. Bagnasco ai cresimandi per il tradizionale pellegrinaggio a Roma

“Carissimi amici, cresimati e cresimandi, lasciatevi portare in alto dallo Spirito di Dio e dai suoi doni. Vivete nel dono dello Spirito a casa, nel rispetto e nella cura verso la vostra famiglia; a scuola nell’amicizia con i compagni, studiando con impegno; in parrocchia con una presenza gioiosa e creativa. Così continuerete a crescere nella fede. Amate la vostra parrocchia. Con l’aiuto dei vostri sacerdoti trovate uno spazio di servizio. Servire la Chiesa è servire Gesù! Egli è la pietra angolare; in Lui ognuno di noi, pietra viva, forma la Chiesa”. Lo scrive il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova, in una lettera di invito indirizzata ai giovani di Genova per sollecitarli a partecipare al tradizionale pellegrinaggio a Roma. “Andare a Roma con voi – afferma il porporato – è importante perché è il luogo dove Pietro nel 64 d.C. al tempo dell’imperatore Nerone fu crocifisso e sepolto sul colle Vaticano; dove Paolo, in quanto cittadino romano, fu decapitato lungo la Via Ostiense. Non ci meraviglia il comportamento del solito potente e tiranno di turno, ma ci commuove la coraggiosa testimonianza dei martiri del Signore. Nella forza dello Spirito non hanno tradito la fede in Gesù Cristo”. “Andare a Roma e pregare nei luoghi del martirio degli Apostoli Pietro e Paolo – prosegue – significa rinnovare la nostra fede cattolica”. Per questo “chiediamo con fiducia di essere coraggiosi di Gesù” perché “lo Spirito Santo ci dà la stesa forza di Pietro e di Paolo per annunciare il Vangelo del Signore”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy