Cile: il vescovo di Osorno “accoglie con fede e gioia la decisione del Papa”. Per l’episcopato cileno è “gesto di vicinanza”

“Il vescovo oggi è fuori città e ha detto che accoglie con fede e gioia tutto ciò che decide il Papa, chiedendo a Dio che risplenda la verità”. Questa la risposta ufficiale della diocesi di Osorno alla notizia che Papa Francesco invierà a Santiago del Cile il suo rappresentante mons. Charles J. Scicluna, per ascoltare alcuni pareri sul caso del vescovo mons. Juan de la Cruz Barros Madrid, vescovo di Osorno. Da tempo un gruppo di laici e religiosi di Osorno chiede le sue dimissioni, accusandolo di essere stato a conoscenza di abusi nell’ambito dello “scandalo Karadima”. La diocesi di Osorno conclude invocando “la Santissima Vergine Maria perché tutti possiamo raggiungere la pace”.  Anche la Conferenza episcopale cilena, in una nota firmata da mons. Cristian Contreras Villarroel, vescovo di Melipilla, riconosce che la nomina di mons. Scicluna sul caso di mons. Barros dimostra, da parte del Papa, “un atteggiamento di vero ascolto e vicinanza verso la realtà e le sfide della società e della Chiesa cilena”. I dettagli sulla visita, precisano i vescovi, “saranno comunicati prossimamente”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy