Scuola: Fedeli (ministro Istruzione) a InBlu Radio, “rapporto di amicalità tra studenti e professori è inopportuno”. Licenziamento per chi supera il “limite”

“Il rapporto di amicalità tra studenti e professori è totalmente inopportuno. Su questo sono stata molto severa e netta” e per chi supera il “limite” si potrebbe aprire lo scenario del “licenziamento”. Lo ha detto il ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli, in un’intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei, in merito agli ultimi fatti di cronaca e al recente caso di abuso in una scuola della Capitale. “La responsabilità dei docenti – ha aggiunto il ministro – è enorme e va sostenuta e riconosciuta. È una delle professionalità più significative. Devono avere una deontologia professionale”. “I docenti – ha proseguito Fedeli – devono sapere che il loro rapporto con i ragazzi in formazione, essendo loro adulti e i giovani dei minori, deve avere un limite. Il limite che si devono dare non è solo la deontologia e un’etica nell’esercizio della professione ma anche essere consapevoli che devono esercitare la loro libertà d’insegnamento sulla didattica e i contenuti”. “Non devono mai superare il limite dell’esercizio di libertà educativa nella didattica perché c’è il rischio che si sfoci in atteggiamenti che sono utilizzati, in alcuni casi, a fini diversi”, ha precisato il ministro. “La larga maggioranza dei docenti – ha concluso Fedeli – è assolutamente consapevole della propria funzione. E dove questo non avviene bisogna essere molto duri: procedimento, verifica, licenziamento. Il docente ha un potere d’influenza sul minore enorme, per questo deve essere consapevole del limite nel rapporto con gli studenti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa