Camerun: Dokita onlus, in corso la campagna “Tutti uguali” per assistere 1.500 bambini disabili. Donazioni al 45542

Nel sud del Camerun, a Sangmelima, il Foyer de l’Esperance lavora ogni giorno perché i bambini siano davvero “tutti uguali”, nonostante disabilità e miseria. Il centro sanitario è gestito dall’organizzazione umanitaria Dokita onlus che ogni anno accoglie e cura oltre 1.500 bambini e ragazzi con disabilità. Responsabile della struttura è suor Laura Figueroa, infermiera missionaria della Congregazione delle Figlie dell’Immacolata Concezione e controparte locale di Dokita da oltre trent’anni, punto di riferimento per migliaia di bambini “speciali”. Dal 28 gennaio al 3 febbraio è possibile sostenere il Foyer de l’Esperance partecipando alla campagna di Dokita onlus “Tutti uguali”. Inviando un sms al numero solidale 45542 si possono donare 2 euro, chiamando da rete fissa 2 o 5 euro. I fondi serviranno per acquistare apparecchiature per le cure fisioterapiche e per il laboratorio di confezionamento delle protesi, e sosterranno percorsi di supporto scolastico per l’istruzione primaria di bambini disabili e progetti di integrazione sociale e culturale. L’Unicef stima che in Camerun il 23% dei bambini di età compresa tra due e nove anni abbia almeno un tipo di disabilità, e che il 65% di loro l’abbia acquisita attraverso malattie come la polio, la malaria, la lebbra o il morbillo. Le strutture sanitarie in grado di assisterli sono pochissime e molto costose. Così, spesso, le famiglie li allontanano. In Camerun oltre al Foyer de l’Esperance, Dokita gestisce un’altra struttura specializzata nella riabilitazione e nell’assistenza ad Ebolowa, e una scuola-centro di accoglienza per bambini ciechi a Yaoundé.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy