Sant’Egidio: corridoi umanitari, nuovi arrivi in Francia e Italia. “L’Europa che crede nel futuro continua ad accogliere”

“Di fronte a nuove chiusure e a pericolose strumentalizzazioni del fenomeno immigrazione c’è un’Europa che continua a credere che il suo futuro è anche nella capacità di accogliere e integrare”. Lo afferma una nota odierna della Comunità di Sant’Egidio. Che aggiunge: “Dopo l’arrivo di oltre 1.000 profughi dall’inizio del 2016, la Comunità di Sant’Egidio, insieme alla Fcei e alla Tavola valdese, si prepara a dare il benvenuto, il 30 gennaio a Fiumicino, a un nuovo gruppo di 30 profughi siriani. Lo stesso avverrà, il giorno prima a Parigi, all’aeroporto Charles de Gaulle, per una quarantina di persone, insieme ad altre organizzazioni cattoliche e alle Chiese protestanti francesi”. “Si tratta in entrambi i casi di famiglie con bambini e alcuni malati. Verranno accolte con un percorso di integrazione secondo il progetto dei corridoi umanitari, che oltre a Italia e Francia ora è attivo anche in Belgio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy