Povertà: Oxfam, “82% dell’incremento di ricchezza globale all’1% più ricco”

Foto: Oxfam

L’82% dell’incremento di ricchezza globale registrato lo scorso anno è finito tutto nelle mani dell’1% più ricco del mondo mentre la metà più povera del mondo, pari a 3,7 miliardi di persone, non ha avuto un centesimo. È quanto emerge dal nuovo rapporto di Oxfam “Ricompensare il lavoro, non la ricchezza”, diffuso alla vigilia del Forum economico mondiale di Davos. In pratica ogni 2 giorni c’è un nuovo miliardario, ma questo “non è certo sintomo di un’economia fiorente – denuncia Oxfam – se a pagarne il prezzo sono le fasce più povere e vulnerabili dell’umanità”. Nei prossimi 20 anni le 500 persone più ricche del pianeta lasceranno ai propri eredi oltre 2.400 miliardi di dollari, un ammontare superiore al Pil dell’India uno dei Paesi più popolosi del pianeta con 1,3 miliardi di abitanti. Su scala globale, si legge nel rapporto, tra il 2006 e il 2015 la ricchezza a nove zeri è cresciuta del 13% all’anno, 6 volte più velocemente dell’incremento annuo salariale, di appena il 2%, che ha riguardato i comuni lavoratori. Negli Stati Uniti un amministratore delegato percepisce in poco più di 1 giorno una cifra pari al reddito medio che un lavoratore della compagnia da lui amministrata percepisce in 1 anno. È quindi un sistema economico che premia pochi azionisti e top manager mentre peggiora le condizioni dei lavoratori e riduce i salari. “Basti pensare che oggi il 94% degli occupati nei processi produttivi delle maggiori 50 compagnie del mondo è costituito da persone ‘invisibili’ impiegate in lavori ad alta vulnerabilità senza adeguata protezione”, spiega Maurizia Iachino, presidente di Oxfam Italia. Le principali vittime di queste disuguaglianze sono le donne lavoratrici, che in tutto il mondo guadagnano meno degli uomini e in condizioni di scarse tutele e sicurezza. Nei grandi marchi dell’abbigliamento che producono in Bangladesh, ad esempio, in 4 giorni un amministratore delegato guadagna quanto una lavoratrice in un’intera vita.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy