Papa in Cile: ai vescovi, saluta il vescovo più anziano del mondo. “Paternità non è né paternalismo né abuso di autorità”

È cominciato con un saluto a mons. Bernardino Piñera Carvallo, che quest’anno compirà 60 anni di episcopato, il discorso ai vescovi, incontrati nella sagrestia della cattedrale di Santiago subito dopo il clero locale. “È il vescovo più anziano del mondo, tanto in età come in anni di episcopato, e che ha vissuto quattro sessioni del Concilio Vaticano II”, ha detto il Papa: “Bella memoria vivente!”. “Uno dei nostri compiti principali consiste proprio nello stare vicini ai nostri consacrati, ai nostri presbiteri”, ha esordito Francesco riferendosi al discorso tenuto poco prima in cattedrale: “Se il pastore si disperde, anche le pecore si disperderanno e saranno alla portata di qualsiasi lupo”. Ai 50 vescovi cileni, Francesco ha raccomandato “la paternità del vescovo col suo presbiterio”, una paternità che “non è né paternalismo né abuso di autorità”, ma “un dono da chiedere” per “stare vicino” ai propri sacerdoti, “nello stile di san Giuseppe”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa