Papa in Perù: cresce l’attesa dei fedeli, domani sera giovani in preghiera nella periferia di Lima

“In tutto il Perù c’è grande fermento popolare e molto movimento già da parecchi mesi per la visita di Papa Francesco. In tutte le parrocchie della nostra diocesi è stata fatta l’iscrizione per partecipare all’incontro delle famiglie con Papa Francesco che si terrà a Lima”. A parlare dall’altro capo del telefono è don Roberto Seregni, missionario fidei donum della diocesi di Como, nella diocesi di Carabayllo alla periferia nord della capitale Lima. Don Seregni, che è parroco di San Pedro e referente per la pastorale giovanile della sua vicaria (la numero 4) racconta di una piccola iniziativa in programma nella serata di sabato 13 gennaio. “Domani ci ritroveremo in preghiera con i nostri giovani, circa 150, per pregare e riflettere sui messaggi di Papa Francesco. L’idea è quella di offrire, oltre ad un tempo per l’adorazione eucaristica, anche l’occasione per capire i messaggi e le parole del Papa andando oltre il naturale impatto emotivo della visita per confrontarsi sui contenuti e chiederci cosa il Papa sta chiedendo alla Chiesa del Perù”. Per il sacerdote, nelle due tappe sudamericane in Perù e Cile il Papa tornerà sulle tematiche a lui particolarmente care: famiglie, giovani, ambiente, lavoro. “Il Papa a tutti noi – conclude il sacerdote – chiede un impegno di ri-evangelizzazione di questa terra ricca di storia e di fede”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo