Musei vaticani: in progetto l’apertura di un secondo ingresso

È al vaglio del direttore Barbara Jatta un progetto per migliorare l’accesso ai Musei vaticani e, in particolare, facilitare e organizzare al meglio la visita della Cappella Sistina. Le novità fanno parte di un progetto di ampliamento a cui sta lavorando una commissione che a breve dovrebbe rendere noti i risultati: previsti una sala conferenze più spaziosa, una sala espositiva dedicata alle mostre tematiche di medie dimensioni oltre a corsi di formazione per le guide. Già effettuate nuove assunzioni di custodi, che consentono l’apertura di spazi finora meno visitati. Ma la novità più significativa, come ha spiegato Jatta a Vatican News, riguarda la realizzazione di un nuovo ingresso ai Musei poco distante dall’attuale, che consentirà l’accesso immediato al Museo Gregoriano profano, al Museo etnologico e al Giardino Quadrato. Poiché “i nostri Musei sono anche testimonianze di secoli di fede e di devozione cristiana”, sottolinea il direttore, “è impensabile di non permettere ad un visitatore di accedere per un numero chiuso o per motivi di spazio o per mancata organizzazione”. Jatta annuncia anche per il 2018 “la fine del restauro della celeberrima ‘Battaglia di Ponte Milvio’ di Costantino e Massenzio nelle Stanze di Raffaello”, la realizzazione di “una grande mostra in Messico ‘Da Pedro a Francisco’ di testori vaticani” e l’arrivo dalla Russia di una mostra nel prossimo dicembre.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo