Atto vandalico a Camporeale: don D’Andrea (Salesiani per il sociale), “sostegno” al presidente dell’associazione “A braccia aperte”

“Al presidente esprimo tutta la mia solidarietà e sostegno, lo incoraggio ad andare avanti insieme agli operatori e ai collaboratori dell’associazione che si impegnano quotidianamente per far riconoscere i diritti di tanti minori in difficoltà”. Lo afferma don Giovanni D’Andrea, presidente di Salesiani per il sociale, rivolgendosi a Matteo Rallo, presidente dell’associazione “A braccia aperte” di Camporeale, in provincia di Palermo, al quale lo scorso 5 settembre è stata bruciata l’auto. L’associazione “A braccia aperte” è socio di Salesiani per il Sociale – Federazione Scs-Cnos e offre attività formative e di animazione sociale in paese. “Fare il bene non è facile – dice don D’Andrea -, gli autori di questo gesto hanno senza dubbio un modo di ragionare egoistico che pensa al bene proprio disprezzando i diritti e la libertà altrui. Ma continuiamo a credere fermamente che investire sull’educazione dei più giovani sia l’unico modo per rendere concreto l’onesto cittadino e buon cristiano tanto caro a Don Bosco”. L’associazione insieme a tante altre istituzioni di Camporeale organizzeranno nei prossimi giorni un incontro cittadino per “incoraggiare la comunità a denunciare questi atti” e “contrastare la povertà culturale del territorio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy