This content is available in English

Inghilterra e Galles: quattro vescovi britannici a Bruxelles per incontrare Comece e vertici Ue. “Resteremo parte dell’Europa”

(Bruxelles) Quattro vescovi di Inghilterra e Galles sono stati a Bruxelles nei giorni scorsi per incontrare rappresentanti delle istituzioni dell’Ue e parlare di “temi che preoccupano” in questa fase di trattative per il Brexit. Lo riferisce un comunicato ufficiale dei vescovi che elenca le questioni affrontate: l’“importanza di difendere i diritti umani in tutte le trattative commerciali; i diritti di trasferimento dei prigionieri; Irlanda del Nord e questioni relative alle frontiere con la Repubblica d’Irlanda; diritti dei cittadini Ue nel Regno Unito e cittadini britannici nei Paesi europei”. Il sintetico messaggio che i vescovi cattolici hanno diffuso al termine della visita dice che “il Regno Unito è ancora parte dell’Ue e durante il periodo di transizione prima che il Regno Unito lasci, ci sono questioni vitali da risolvere. Continueremo ad avere un rapporto con l’Ue e le sue istituzioni in futuro, perciò questi incontri faccia a faccia sono preziosi”. Infatti “resteremo parte dell’Europa anche quando il Regno Unito lascerà l’Ue”, precisano i vescovi che ribadiscono: è dirimente per il destino dell’Ue che “la promozione dell’essere umano sia posta al centro del progetto europeo e delle politiche adottate dalle sue istituzioni”. I vescovi hanno anche incontrato il nunzio mons. Alain Lebeaupin, il vice-presidente della Commissione degli episcopati della comunità europea (Comece) mons. Jean Kockerels, e il segretario generale della Conferenza delle Chiese europee Heikki Huttunen.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy