Papa Francesco: udienza, “avere un’anima vuota è il peggior ostacolo alla speranza”. No all'”accidia”

“Avere un’anima vuota è il peggior ostacolo alla speranza”. Ne è convinto il Papa, secondo il quale “è un rischio da cui nessuno può dirsi escluso; perché di essere tentati contro la speranza può capitare anche quando si percorre il cammino della vita cristiana”. In particolare, Francesco, durante la catechesi dell’udienza generale di oggi, a piazza San Pietro, ha messo in guardia dall’accidia, un atteggiamento “che erode la vita dall’interno fino a lasciarla come un involucro vuoto”, ben conosciuto fin dalle origini della storia della Chiesa. ” I monaci dell’antichità – ha ricordato il Papa – avevano denunciato uno dei peggiori nemici del fervore: quel ‘demone del mezzogiorno’ che va a sfiancare una vita di impegno, proprio mentre arde in alto il sole. Questa tentazione ci sorprende quando meno ce lo aspettiamo: le giornate diventano monotone e noiose, più nessun valore sembra meritevole di fatica”. “Quando questo capita, il cristiano sa che quella condizione deve essere combattuta, mai accettata supinamente”, ha affermato Francesco: “Dio ci ha creati per la gioia e per la felicità, e non per crogiolarci in pensieri malinconici. Ecco perché è importante custodire il proprio cuore, opponendoci alle tentazioni di infelicità, che sicuramente non provengono da Dio”. “E laddove le nostre forze apparissero fiacche e la battaglia contro l’angoscia particolarmente dura, possiamo sempre ricorrere al nome di Gesù”, il consiglio di Francesco:”Possiamo ripetere quella preghiera semplice, di cui troviamo traccia anche nei Vangeli e che è diventata il cardine di tante tradizioni spirituali cristiane: ‘Signore Gesù Cristo, Figlio di Dio, abbi pietà di me peccatore!'”. “Bella preghiera!”, ha commentato il Papa a braccio: “Signore Gesù, Cristo, Figlio di Dio vivo, abbi pietà di me peccatore. Questa è una preghiera di speranza, perché mi rivolgo a colui che può spalancare le porte, risorgere e farmi guardare orizzonte della speranza”. “Non siamo soli a combattere contro la disperazione”, ha assicurato Francesco: “Se Gesù ha vinto il mondo, è capace di vincere in noi tutto ciò che si oppone al bene. Se Dio è con noi, nessuno ci ruberà quella virtù di cui abbiamo assolutamente bisogno per vivere. Nessuno ci ruberà la speranza. Andiamo avanti!”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy