Vita consacrata: Istituto Edith Stein, seminario a Varese su antropologia e spiritualità

“La persona consacrata, chiamata a vivere l’invisibile nel visibile: come realizzarsi, sia a livello umano che spirituale” è il tema del seminario promosso dall’Edisi, Istituto Edith Stein, dal 28 agosto al 1° settembre a Varese (convento frati cappuccini – Viale Borri 109). Come già negli anni precedenti, spiega un comunicato, “in questo periodo estivo” l’Istituto “propone un seminario, frutto della riflessione portata avanti all’interno dell’associazione. Quest’anno il tema è sulla sintesi tra antropologia e spiritualità nella vita consacrata”. Si parlerà di vita consacrata in relazione con il corpo, l’emotività, la volontà, la personalità, le relazioni, le capacità personali e la realizzazione di sé. I relatori sono don Ezio Risatti, salesiano, psicologo psicoterapeuta e vicepresidente dell’Istituto Edith Stein; padre Carlo Fadin, frate minore cappuccino, medico e psicologo della comunicazione; Grazia Maria Costa, medico, psicologa e presidente dell’Istituto Edith Stein; padre Pierluigi Canobbio, responsabile di Gruppi ecclesiali di formazione, counselor Edisi e di Diaconia. Il seminario ha anche valore di crediti e aggiornamento per i Counselor Edisi o altra associazione, con titolo anche civile, riconosciuto da Diaconia, associazione nazionale del counseling di ispirazione cristiana, di cui è presidente mons. Guglielmo Borghetti, vescovo di Imperia.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy