Attacchi in Spagna: domenica mattina il card. Omella celebra nella Sagrada Familia in suffragio delle vittime degli
 attentati

Sarà l’arcivescovo di Barcellona, il card. Juan José Omella, a presiedere domenica mattina nella basilica della Sagrada Familia, una solenne celebrazione internazionale, in cinque lingue (tra queste l’italiano) in suffragio delle vittime degli
 attentati in Spagna. Saranno presenti tutti i cappellani etnici della città, fa sapere l’incaricato Migrantes per la comunità italiana, don Luigi Usubelli, che in queste ore ha visitato diversi ospedali della città per avere notizie dei feriti italiani e il luogo dove hanno portato le salme delle vittime dando la propria disponibilità e quella dell’intera comunità italiana. Fino a questo momento non è riuscito – dice al Sir – a incontrare le famiglie delle vittime italiane. “Avrei dovuto essere nella zona della tragedia anche io – racconta – ma poi un cambio di programma mi ha portato altrove”. Domani sera la messa italiana delle 19 nella chiesa di sant’Anna – dove Usubelli celebra solitamente – sarà spostata di un’ora, alle 20, per una celebrazione comunitaria cui seguirà una processione con candele verso il luogo della tragedia, “distante – dice Usubelli – non più di 400-500 metri. Ci sarà anche una veglia di preghiera organizzata dai giovani della diocesi”. A tutti, conclude, “chiediamo la forza e il coraggio della preghiera”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy