Attacchi in Spagna: card. Bagnasco (Ccee), “atti efferati senza logica e senza speranza. Non restiamo indifferenti”

“Di nuovo l’Europa – e osiamo dire l’umanità – è stata colpita da un nuovo attacco terroristico che questa volta ha seminato orrore e morte a Barcellona. È il mondo intero che assiste troppo spesso a questi atti efferati senza logica e senza speranza che uccidono vite innocenti. Non restiamo indifferenti”. Lo scrive il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente del Ccee (Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa) in una lettera inviata al cardinale Juan José Omella, arcivescovo di Barcellona, e al cardinale Ricardo Blázquez Pérez, arcivescovo di Valladolid e presidente della Conferenza episcopale spagnola. Nella missiva il card. Bagnasco esprime a nome della presidenza e della segreteria del Ccee “i più vivi sentimenti di cordoglio” e assicura “la preghiera per la pace e la serenità di tutti”. “Affidiamo le vittime alla misericordia di Dio e assicuriamo le nostre preghiere per i feriti e per il conforto delle famiglie tanto duramente colpite”, scrive Bagnasco. “Siamo sempre più certi della fede, dei legami di amore che ci uniscono e della speranza di ritrovare la Pace nel Signore – si legge ancora nella lettera -. Questo ci fa essere in piena sintonia sia nel condannare l’atto sia nella supplica a Gesù Cristo, morto e risorto per la salvezza dell’umanità e Signore della Storia, per aiutare il mondo a trovare la verità e la pace che solo Lui offre pienamente”. “Voglia il Signore – conclude il presidente del Ccee – benedire e proteggere il popolo di Barcellona e specialmente quanti sono impegnati nell’assistenza e nella cura delle famiglie delle vittime”.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy