Sport e giovani: Giovannini (Asvis), “valorizzare relazioni per costruire capitale umano”

Cattiva salute, obesità, dipendenze: per Enrico Giovannini, portavoce Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile (Asvis), intervenuto questo pomeriggio alla presentazione del report “S Factor: più sport come fattore di sviluppo, coesione ed educazione” del Centro sportivo italiano (Csi), “operiamo sempre troppo tardi, con logiche di emergenza”. “La mancanza di sport causa costi non sostenibili per la comunità sociale – avverte -; la povertà educativa determina danni gravissimi e si supera anche attraverso uno sport che crea spirito di squadra, ma se lo Stato spende soldi per l’educazione o per lo sport viene percepito come un costo”. Questo perché “il nostro mondo ha perso il riferimento della centralità della persona e della comunità”. Con riferimento ai 17 Millennium goals Giovannini spiega: “L’economia e il capitale fisico – economico senza capitale umano e sociale non riesce a produrre né benessere né un futuro sostenibile”. Di qui l’importanza di “valorizzare le relazioni e la dimensione educativa, non in termini di gestione dell’emergenza ma in termini di costruzione di capitale umano”.  Di qui l’invito al Csi a “trovare sinergie e idee nuove”, anche in vista dell’edizione 2018 del Festival dello sviluppo sostenibile. “Occorre – conclude Giovannini – imparare a pensare in modo integrato nella logica della complessità partendo da quanto già fatto e guardando il mondo da una nuova lente”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa

Informativa sulla Privacy