Charlie Gard: mamma Connie, “non abbiamo avuto controllo sulla vita di nostro figlio né sulla sua morte”

“Volevamo solo un po’ di pace con nostro figlio, senza ospedale, avvocati, tribunali, giornalisti, solo tempo di qualità con Charlie lontano da tutto, per salutarlo con tutto l’affetto possibile”: è stato il commento di mamma Connie, dopo la pubblicazione della sentenza del giudice oggi, secondo quanto riportato dalla stampa inglese. La sentenza dice che Charlie sarà trasferito in un hospice pediatrico dove sarà estubato. Se pure non è precisato nella sentenza quando tutto ciò avverrà, per lo stato di salute in cui si trova il piccolo, è chiaro che il tempo che resterà a Charlie dopo essere stato estubato sarà breve. “Non abbiamo avuto controllo sulla vita di nostro figlio né sulla sua morte”, ha aggiunto Connie Yates. “Nonostante il fatto che noi e il nostro team legale avessimo lavorato instancabilmente per definire questo compito quasi impossibile”, cioè la possibilità di un tempo prolungato con Charlie lontano dall’ospedale pediatrico, “il giudice ha emesso una sentenza contraria a quanto organizzato e ha acconsentito a ciò che il Great Ormond Street Hospital ha chiesto”. “Questo ci dà poco tempo con nostro figlio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa

Informativa sulla Privacy