Spiaggia Chioggia e cori nazisti: Dureghello (Comunità ebraica Roma), “fatti gravi e pericolosi”. “Grande errore” sottovalutarli

“L’episodio dello stabilimento balneare di Chioggia e i cori dei tifosi del Verona in cui si inneggiava ad Adolf Hitler sono due fatti gravi e pericolosi la cui vicinanza temporale dovrebbe far riflettere”. Lo sostiene Ruth Dureghello, presidente della Comunità ebraica di Roma. “Siamo preoccupati – afferma Dureghello in una nota – dalla reazione del segretario della Lega Matteo Salvini che si mette a disposizione per le spese legali del titolare dello stabilimento o che definisce goliardia (seppur condannando) i cori di esaltazione al leader nazista invitando politica e magistratura ad occuparsi di cose serie”. Fascismo e nazismo, prosegue, “sono cose serie e bene fa la magistratura a intervenire direttamente per sanare ogni forma di illegalità. Chiudere una pagina della storia che comprende la Shoah come se si trattasse di un fatto ininfluente e superato è un errore pericoloso”. “Non abbiamo preclusioni nei confronti di nessuno e in passato lo abbiamo dimostrato, ma forse è arrivato il momento – conclude Dureghello – di chiarire se la linea attuale permette ambiguità che invece non possono essere tollerate.”

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy