Collegi universitari: mons. Celli (Villa Nazareth), 26 borse di studio per “giovani di talento”. Domande entro il 20 luglio

“Sulla scorta della celebre parabola evangelica che ha ispirato il nostro fondatore, il card. Domenico Tardini, il Collegio universitario ‘Villa Nazareth’ ha come vocazione la scoperta, la valorizzazione e la cura del talento di giovani dotati intellettualmente e desiderosi di impegnarsi, ma provenienti da famiglie economicamente disagiate”. A delineare al Sir la mission dell’istituto della Fondazione Comunità Domenico Tardini onlus, presieduta dal card. Achille Silvestrini, con sede a Roma, è mons. Claudio Maria Celli, vicepresidente esecutivo della Fondazione e del Collegio che ospita studenti, dottorandi e specializzandi, e “sostiene” dieci studenti non residenti coinvolti nel suo percorso. Come nel 2016, spiega Celli, “la Fondazione stanzia 26 borse di studio per giovani che abbiano conseguito o conseguiranno il diploma di scuola superiore o la laurea triennale di primo livello nella sessione estiva-autunnale del 2017 con un eccellente curriculum di studi, le cui famiglie, per condizione socioeconomica e culturale, non siano in grado di sostenerli negli studi”. Il bando di concorso (termine per la presentazione delle domande il 20 luglio) prevede 16 borse di studio per neodiplomati/e, neolaureati/e in lauree di primo livello e laureandi/e nella sessione autunnale per l’ammissione a titolo gratuito nella residenza maschile (9 posti di cui 3 riservati ai partecipanti al bando Inps per collegi universitari) e nella residenza femminile (7 posti di cui 3 riservati ai partecipanti al bando Inps per collegi universitari) site in Roma al collegio universitario “Villa Nazareth”. I destinatari del bando Inps sono i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione. Altre 10 borse di studio in contributi finanziari e servizi sono previste per studenti e studentesse che frequentano corsi universitari su tutto il territorio nazionale. Per concorrere occorre un Isee non superiore a 23mila euro e un Ispe non superiore a 50mila euro.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia