Avis: due ricerche indicano scenari per il futuro. Mondo del lavoro, giovani, Europa

Mondo del lavoro, giovani e Europa: sono alcuni tra gli ambiti nei quali Avis si impegnerà maggiormente nel prossimo futuro. È quanto emerge da due nuove ricerche presentate oggi al Cnr di Roma e che rientrano nelle iniziative di Avis “per – spiega una nota stampa – trasformare il 90° anniversario di fondazione in un momento di riflessione. “Avis e il mondo del lavoro” e “La donazione di sangue come prassi sociale, uno scenario per il 2027” sono state realizzate in collaborazione con l’Istituto per le ricerche sulla popolazione e le politiche sociali (Irpps) del Centro nazionale ricerche (Cnr). Tre sono state le domande chiave della prima ricerca: il ruolo del mondo del lavoro nella fondazione di Avis, il contributo nello sviluppo e nell’evoluzione dell’associazione e le strategie per il futuro. Il lavoro dell’Irpps ha analizzato in che modo “l’esperienza lavorativa pregressa e le dinamiche sul posto di lavoro abbiano influito sulla pratica della donazione. In particolare, si è osservato che per la maggioranza degli intervistati un cambiamento lavorativo non ha comportato necessariamente variazioni nella pratica della donazione”. Lo studio di tre diversi modelli “ha permesso di identificare realtà (come Varese e Perugia) dove la presenza in passato di grandi aziende (vedi Ignis e Perugina) ha contribuito alla nascita e alla diffusione dell’associazione negli anni Cinquanta e Sessanta, mentre in realtà come Catania il processo è stato opposto: da una società civile forte è nato il volontariato del sangue che, solo in una seconda fase, è entrato all’interno di grandi aziende del settore elettronico e farmaceutico”.
In tutte e tre le realtà, gli intervistati hanno considerato la promozione del messaggio di Avis nei luoghi di lavoro “molto importante (73%), mentre web e social network si confermano i canali principalmente usati sia per raccontare le proprie esperienze di donazione sia per avvicinare nuovi potenziali donatori”. Il secondo lavoro presentato, “La donazione di sangue come prassi sociale” è il frutto delle risposte di 16 esperti portatori di esperienze e competenze diverse in tema sanitario, sociale, istituzionale e del mondo del volontariato. Lo scenario si compone complessivamente di 13 obiettivi collegati a 57 interventi specifici attuabili entro il 2027. Tra questi “si possono individuare i giovani, con la promozione della donazione del sangue presso gli istituti scolastici di istruzione secondaria e successivamente tra chi ha un’età compresa tra i 18 e i 30 anni, realizzando campagne mirate sui social network con il coinvolgimento di web influencer e strutturando percorsi di accompagnamento alla prima donazione”. “Da questo lavoro – dichiara il presidente nazionale, Vincenzo Saturni – emergono inoltre considerazioni sul fatto che Avis dovrà proseguire la sua attività in ambiti intrapresi negli ultimi anni, come una maggiore visibilità a livello europeo con un rafforzamento dei rapporti con gli europarlamentari italiani”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy