Charlie Gard: Gigli (Mpv), “se sarà staccato dal respiratore, sarà eseguita condanna a morte di un bambino innocente”

“Se domani il piccolo Charlie sarà staccato dal respiratore, verrà eseguita la condanna a morte di un bambino innocente, indegna della tradizione umanistica e dell’eredità cristiana del Vecchio Continente. Chi ha qualcosa da dire lo dica ora. I credenti stasera accendano la luce di una candela e insieme ad essa facciano salire a Dio la loro preghiera per Charlie e per lo strazio dei suoi genitori. Se l’epilogo sarà quello annunciato, domani il Movimento per la vita italiano esporrà dalle finestre della sua sede nazionale la bandiera europea e quella britannica listate a lutto”. Lo rende Gian Luigi Gigli, presidente del Movimento per la vita italiano (Mpv).
“Nell’era dei diritti civili, un altro limite è stato varcato – sottolinea Gigli -: la Cedu ha sancito che in Europa non solo è stato sdoganato il diritto di chiedere la morte, ma vige anche il dovere di morire quando lo Stato lo decide e se quella vita è considerata inutile. È la vittoria dell’utilitarismo, imbellito nel linguaggio bioetico con la nozione ambigua di best interest: Charlie sarà cancellato dall’esistenza nel nome del suo migliore interesse, parola di tribunale!”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy