Festa di Avvenire: Orlando (Palermo), “nel Sud è la cultura che cambia e produce economia”

“Palermo da capitale della mafia è diventata capitale della cultura”. Lo ha detto il sindaco del capoluogo siciliano Leoluca Orlando, in collegamento video con la piazza di Matera che ha ospitato ieri sera la “Festa di Avvenire”. “Nel Mezzogiorno è la cultura che cambia e produce l’economia. E non viceversa. Anzitutto dobbiamo liberarci dalla logica dell’appartenenza. Se l’appartenenza è forte si può far carriera anche senza avere qualità, se non si appartiene a nessuno a volte è possibile avere qualità ma non si può fare carriera. Questo è uno dei principali sistemi da combattere”. Durante il suo intervento, Orlando ha ricordato l’impegno della Chiesa a Palermo nel contrasto alla mafia tra gli anni ‘80 e ‘90, in particolare richiamando le parole del card. Salvatore Pappalardo e l’impegno di padre Pino Puglisi: “Era un semplice prete che rivendicava i diritti dei bambini ad avere una scuola. Ma questo era molto più eversivo per la mafia di un poliziotto che arresta un mafioso, perché rompeva la dimensione culturale del suo sistema di potere”. Infine, l’attenzione della città all’accoglienza dei migranti. “Con la Carta di Palermo abbiamo proposto di abolire il permesso di soggiorno, perché a Palermo nessuno è straniero”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy