Sudafrica: proposta shock a Pretoria, muro tra ricchi e poveri

(DIRE-SIR) – Divide la proposta del sindaco dell’area metropolitana di Pretoria, la capitale del Sudafrica, 23 anni dopo la fine dell’apartheid: costruire un muro per separare un’area residenziale da una township, baraccopoli della miseria dove non esistono titoli di proprietà. L’idea è di Solly Msimanga, dirigente di Democratic Alliance, partito che a livello nazionale si oppone all’African National Congress (Anc) fondato da Nelson Mandela.
Il progetto, riferisce l’emittente locale “Eyewitness News”, è stato annunciato dopo scontri e violenze che hanno contrapposto per giorni gli abitanti delle due zone. Con i proprietari del quartiere residenziale che, denunciando occupazioni illegali, hanno anche chiesto la demolizione della township. Nonostante la fine dell’apartheid e della discriminazione anche legale a danno della maggioranza nera della popolazione, il Sudafrica resta lacerato da disuguaglianze e ingiustizie.

(www.dire.it)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy