Disabilità: Gaeta, aperto un Happy Bar gestita da sei ragazzi con sindrome di down

A Gaeta è stato inaugurato l’Happy Bar. Ma quella sita nella villa comune Umberto I di Formia non è un’attività di ristoro come tante altre. Infatti, a gestirla sono sei giovani con la sindrome di down. Volti felici e sorridenti i loro, protagonisti di un progetto promosso dalla sezione sud pontina dell’Aipd, l’Associazione italiana persone down, e dalla cooperativa “Down at work”. L’obiettivo prefissato e puntualmente raggiunto si è basato sull’idea che la diversità non debba essere una discriminante per chi ha voglia di lavorare, seguendo turni e regole serie. A guidare i sei giovani saranno un barista esperto, una psicologa e alcuni tutor. I ragazzi hanno tra i 20 e i 35 anni e per prepararsi a questa impresa hanno svolto vari colloqui e un corso di caffetteria. L’Happy Bar rimarrà aperto tutta l’estate dalle 8 alle 13 e dalle 17 alle 24.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy