Fiaccolata per giovane ucciso da 15enne: mons. Renzo (vescovo), “un momento di profonda sofferenza per tutti”

È questo “un momento di sofferenza, di profonda sofferenza per tutti”. Erano migliaia ieri sera le persone che hanno partecipato a Mileto ad una veglia di preghiera per ricordare il giovane Francesco Prestia Lamberti ucciso da un suo coetaneo nella tarda serata di lunedì. “Un momento di sofferenza profonda”, ha detto il vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea, mons. Luigi Renzo, che non ha voluto mancare alla veglia che ha concluso una fiaccolata nel nome e nel ricordo del giovane. “Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta”, è lo striscione che apriva la fiaccolata giunta sul sagrato della cattedrale dove c’era il presule. “Cosa c’è di razionale in quello che è successo e che ci ha chiamato qui questa sera. Siamo tutti sgomenti. Turbati”, ha detto mons. Renzo: “Sono cose impensabili quelle che stanno avvenendo sempre più spesso e che vedono protagonisti i giovani, i ragazzi. Pensiamo anche a quello che è successo a Reggio Calabria” (il riferimento è all’aggressione subita da mons. Giorgio Costantino, ndr). “C’è qualcosa che non quadra allora. Non troviamo nulla di razionale e giustificabile. Il Crocifisso ci dà la chiava di lettura per andare oltre. Quello che è successo ci interpella tutti, ci graffia tutti, ci graffia, ci scava dentro”: come Chiesa “dobbiamo sentire maggiormente la responsabilità di come andare incontro ai giovani. I giovani vanno accompagnati. Noi abbiamo il dovere di accompagnarli”. Questo interpella la società, le istituzioni civili e le famiglie che devono “riprendere il ruolo che compete loro perché i giovani ne hanno diritto”. Per mons. Renzo occorre “scendere per strada” e “non rimanere a guardare”. E ai giovani: “Siete una risorsa in positivo. Manca senso, il senso della vita. Il motivo di fondo per impegnarsi, per uscire da certe situazioni dovrebbe essere non virtuale ma virtuoso”. Oggi pomeriggio, in cattedrale, i funerali del giovane presieduti dal parroco don Salvatore Cugliari.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy