Ue: a Firenze lo “Stato dell’Unione” sull’Europa dei popoli. Vertici comunitari da domani nel capoluogo toscano

“Firenze decisiva nel dibattito culturale del destino dell’Europa” ha scritto il sindaco del capoluogo toscano Dario Nardella alla vigilia della settima conferenza “State of The Union”, dedicata a “Building a People’s Europe”. Il filo rosso scelto dall’Istituto universitario europeo (Eui) di Fiesole è quello della cittadinanza nei diversi contesti, politico, sociale, economico, sicurezza, attraverso lo spettro di temi di attualità come le elezioni francesi e il Brexit, in un dibattito che coinvolgerà esponenti della politica e del mondo accademico. Tra il 4 e il 6 maggio le istituzioni dell’Ue saranno presenti ai loro massimi livelli con i presidenti del Parlamento, Antonio Tajani, della Commissione, Jean-Claude Juncker, del Consiglio Donald Tusk, l’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la sicurezza Federica Mogherini, il capo negoziatore sul Brexit Michel Barnier e il presidente della Banca europea per gli investimenti Werner Hoyer. L’Italia parteciperà con il presidente del Senato Pietro Grasso, il ministro degli esteri Angelino Alfano, il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Sandro Gozi. L’incontro si svolge “in un momento storico particolarmente complesso. Solo in rare occasioni, in passato, l’Ue ha dovuto affrontare cosi tante problematiche contemporaneamente. Per questo, è più che mai necessario un impegno reciproco da parte di studiosi e politici”, ha dichiarato Renaud Dehousse, presidente dell’Eui.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia