Parchi ecclesiali: domenica mons. Angiuli inaugura il primo tratto dei “Cammini di Leuca”. 18 sindaci firmano la lettera

Domenica 28 maggio mons. Vito Angiuli, vescovo di Ugento – S.Maria di Leuca, inaugurerà e benedirà presso il complesso monumentale di “Leuca Piccola”, a Barbarano del Capo, frazione di Morciano di Leuca, il primo tratto dei “Cammini di Leuca” (ore 17) , individuato come snodo centrale delle tre direttrici: la Via Sallentina, la Via Leucadense e la Via Traiana-Calabra, che interesseranno l’intero territorio. Federico Massimo Ceschin, direttore del Parco culturale ecclesiale (Pce) “Terre del Capo di Leuca – De Finibus Terrae”, introdurrà la firma della relativa lettera di intenti, che sarà sottoscritta dai 18 sindaci della diocesi. All’esterno della chiesa della Madonna di Vereto mons. Angiuli presiederà la Messa. Presenti tutti i partner dell’evento internazionale: “#cartadileuca.1 Mediterraneo, un porto di fraternità”, che si svolgerà dal 10 al 14 agosto prossimi, naturale continuazione di “#cartadileuca.0”.

Il Pce “Terre del Capo di Leuca – De Finibus Terrae”, prima esperienza a livello nazionale della Cei, è stato istituito poco più di un anno fa dalla diocesi di Ugento – Santa Maria di Leuca per volontà di mons. Angiuli, con la finalità di promuovere una gestione integrata di beni culturali e forme di mobilità dolce, ai fini di una maggiore fruibilità dei patrimoni paesaggistici, ambientali, archeologici, museali ed ecclesiastici del territorio. La visione del Parco è profondamente euromediterranea, per un Capo di Leuca “ponte sul mare, cerniera tra i popoli, contribuendo ad affermare l’eredità morale e spirituale del Servo di Dio, don Tonino Bello”, spiega un comunicato. Lungo le vie Sallentina, Leucadense e Traiana-Calabra, tracciati ciclabili e pedonali confluiscono verso il Santuario di Santa Maria di Leuca. Lo scorso agosto il Pce ha dato vita a “#cartadileuca.0: Mediterraneo, un mare di ponti”, con 133 giovani dai Paesi del Mediterraneo, est europeo, Asia e continente africano, che hanno redatto la “Carta di Leuca”. Il Pce ha inoltre progettato e registrato il marchio collettivo territoriale “Cammini di Leuca” e ha siglato un protocollo di intesa con la rete “Cammini d’Europa” sostenuta dall’Ue.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy