Fondazione Migrantes: don De Robertis (neodirettore generale), i migranti “gregge di Cristo afflitta da tanti pericoli”

È don Gianni De Robertis, della diocesi di Bari-Bitonto, il nuovo direttore generale della Fondazione Migrantes, nominato dal Consiglio permanente della Cei riunito ieri in sessione straordinaria nell’ambito dei lavori dell’Assemblea generale dei vescovi italiani. Don De Robertis succede a  mons. Gian Carlo Perego, nominato, lo scorso 15 febbraio, da Papa Francesco a guidare la diocesi di Ferrara-Comacchio. Il presidente della Fondazione Migrantes, mons. Guerino Di Tora, ringrazia “particolarmente” mons. Perego per il “lavoro svolto con passione e incondizionata dedizione”. Al nuovo direttore vanno “le felicitazioni di mons. Di Tora e di tutta la Migrantes con l’augurio di proseguire e sviluppare il lavoro fecondo di chi l’ha preceduto – si legge in una nota della Fondazione – e con l’assicurazione che da quanti a vario titolo sono impegnati nella Migrantes avrà la più cordiale e fedele collaborazione. A mons. Perego va l’affetto di quanti con lui hanno lavorato in questi anni nella Migrantes, condividendo fraternamente speranze, difficoltà e travagli”.

“Ringrazio i vescovi italiani e in particolare mons. Gian Carlo Perego che mi ha preceduto in questo servizio, per la fiducia accordatami – le prime parole del neo direttore -. Vivo questa chiamata come il rinnovarsi di quella domanda di Cristo che è risuonata nel Vangelo della mia ordinazione: ‘Mi ami tu più di costoro?’, e del comando conseguente: ‘Pasci le mie pecorelle’. L’affidamento di una porzione del Suo gregge, questa volta fatto da migranti”, sono le prime parole del neo direttore. La Fondazione Migrantes – conclude – “è sempre stata l’espressione di questo amore di Cristo e dei vescovi italiani verso questa porzione del gregge spesso afflitta da tanti pericoli, come pecore senza pastore”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy