Vittime di tratta: Firenze, presentata oggi la staffetta “Un’altra strada è possibile”

Una staffetta podistica notturna, da Firenze a Viareggio, lungo strade che sono luoghi di prostituzione: è l’iniziativa “Un’altra strada è possibile” per la liberazione delle vittime della tratta a scopo sessuale organizzata dalla Comunità Papa Giovanni XXIII. L’evento, che è stato presentato oggi nel corso di una conferenza stampa che si terrà martedì 2 maggio, alle 12.30, presso Palazzo Vecchio, a Firenze, vuole sensibilizzare sul tema della tratta degli esseri umani nel suo aspetto più evidente, la prostituzione. La staffetta parte da Firenze, in piazza Dalmazia, alle ore 18 di venerdì 5 maggio per arrivare a Viareggio il giorno dopo. All’organizzazione partecipano anche Azione Cattolica, associazione Nuovi Orizzonti, Movimento dei Focolari, Agesci. L’evento fa parte della campagna “Questo è il mio corpo”, lanciata lo scorso luglio dalla Comunità Papa Giovanni XXIII. Nell’esperienza delle unità di strada, operatori, volontari della Comunità Papa Giovanni XXIII, si è visto che “l’unico modo che si ha per combattere questa schiavitù è colpire la domanda, ovvero il comportamento del cliente”. Molte legislazioni europee già lo fanno (è il cosiddetto “modello nordico”): le leggi più recenti sono quella francese di aprile 2016 e quella irlandese dello scorso marzo. La campagna propone delle azioni per chiedere al Parlamento e al governo italiani una legge che sanzioni il cliente, in particolare con il sostegno alla proposta di legge Bini per l’introduzione di “sanzioni per chi si avvale delle prestazioni sessuali di soggetti che esercitano la prostituzione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy