Notizie Sir del giorno: Msf su Ong e salvataggi, i frutti della visita del Papa in Egitto, sale della comunità, Aleppo

Ong e salvataggi: Msf, “una montagna vergognosa di pattume. L’Europa faccia il suo dovere”

“Stanno gettando in maniera indiscriminata sulle Ong una montagna vergognosa di pattume in maniera strumentale che avrà effetti a lunga durata. Noi facciamo solo quello che dovrebbe fare l’Europa”. Lo ha detto oggi pomeriggio Loris De Filippi, presidente di Medici senza frontiere Italia, in una conferenza stampa a Roma dopo l’audizione alla Commissione Difesa del Senato. “Sono due anni che chiediamo di mettere in atto un sistema di soccorso e salvataggio europeo – ha precisato -, il nostro intervento umanitario non è altro che vicariare ciò che dovrebbe fare l’Europa, perché il nostro compito è salvare le persone indipendentemente dal credo, dalla razza o dalla religione”. (clicca qui)

Papa in Egitto: padre Zaky (rettore seminario), “proseguire sulla strada dell’unità con le Chiese e le Istituzioni”

“Un grande dono a tutto l’Egitto”: così padre Toma Adly Zaky, rettore del seminario maggiore copto di al-Maadi, parla al Sir della visita di Papa Francesco al Cairo. Secondo il rettore del seminario la visita segna uno spartiacque per la comunità cattolica egiziana. Papa Francesco, afferma Zaky, “lascia una grande eredità ai cattolici dell’Egitto: proseguire sulla strada dell’unità, della cooperazione non solo con le Chiese ma anche con le Istituzioni, dell’umiltà e del perdono”. È questa la risposta “più bella” al terrorismo che ha preso di mira la comunità cristiana locale. (clicca qui)

Sale della Comunità: mons. Viganò (SpC), “ponte con cultura e mondo esplicitamente laico”

“Come luogo di confine, tra la Chiesa e la piazza, la Sala della Comunità può riuscire, meglio di altre esperienze pastorali e culturali, a costruire quel ponte indispensabile con la cultura e con il mondo esplicitamente laico”. Lo afferma mons. Dario Edoardo Viganò, prefetto della Segreteria per la Comunicazione (SpC), nel volume “I nuovi Cinema Paradiso” (Vita e Pensiero) che verrà presentato domani all’Università Cattolica di Milano. Secondo Viganò, il passaggio da “Sale cinematografiche parrocchiali” a “Sale della Comunità” racconta di una “svolta”: “È rimasto lo spazio di dialogo non solo per il cinema e non solo per la parrocchia, ma per una comunità intera, comprese quelle persone che non frequentano abitualmente gli appuntamenti tipici della comunità cristiana”. (clicca qui)

Siria: padre Alsabagh (parroco Aleppo), “la situazione resta difficilissima. Abbiamo adottato 740 famiglie”

“La situazione ad Aleppo resta difficilissima. Tutti i quartieri sono devastati, l’elettricità manca e la comunità continua ad acquistarla dai generatori sparsi nelle strade”. Lo dice al Sir padre Ibrahim Alsabagh, parroco della parrocchia latina di san Francesco di Assisi nel quartiere di Azizieh ad Aleppo, facendo un punto sulla situazione della città martire siriana. “Consegniamo più di 3mila pacchi alimentari al mese e a gennaio abbiamo adottato 740 famiglie sposate nel 2012 – prosegue -: si tratta di un grande progetto umano e spirituale che necessita di un accompagnamento materiale per assistere la scelta eroica di avvicinarsi al sacramento del matrimonio, e al dono della vita”. “Adottare” significa fornire un pacco alimentare di 40 dollari ogni mese e dare un aiuto economico per spese indispensabili. (clicca qui)

Portogallo: Conferenza episcopale auspica progetti di reinserimento per i detenuti

Risulta “assolutamente vitale incentivare la creazione di iniziative che favoriscano il reinserimento nella vita attiva delle persone che hanno scontato la pena nel periodo immediatamente successivo alla loro liberazione”. Lo sostengono i vescovi portoghesi, al termine della 191ª Assemblea plenaria della Conferenza episcopale portoghese (Cep), in un comunicato nel quale è stato fatto “il punto della situazione riguardante l’attività religiosa, giuridica e sociale svolta della Chiesa negli istituti carcerari di tutto il Paese”. In particolare, i vescovi hanno evidenziato “la necessità di una maggiore formazione e un più accurato accompagnamento degli agenti pastorali, dei collaboratori e dei volontari”, per il cui reclutamento è infine auspicata “la costituzione di un servizio specifico in tutte le diocesi”. (clicca qui)

Vittime di tratta: Ramonda (Apg23), “ci sono molte complicità. Tenere alta l’attenzione su un dramma di tante ragazze, anche minorenni”

“Don Oreste diceva sempre che nessuna donna nasce prostituta: qualcuno ce la fa diventare”.Lo ha ricordato, oggi, Giovanni Ramonda, responsabile della Comunità papa Giovanni XXIII, intervenendo a Firenze alla conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa “Un’altra strada è possibile”, staffetta podistica da Firenze a Viareggio per la liberazione delle vittime della tratta a scopo sessuale. Tra i responsabili della tratta, secondo Ramonda ci sono anche i clienti, il silenzio, l’indifferenza: “Ci sono molte complicità. Per questo dobbiamo tenere alta l’attenzione sul dramma di tante ragazze, anche minorenni, a volte costrette a prostituirsi anche durante la gravidanza”. (clicca qui)

Partecipazione: Pontificia Accademia delle scienze sociali, “frammentazione” e “sistemi politici incapaci di governare la società” creano “disintegrazione”

“Il diffondersi della frammentazione sociale” e l'”incapacità dei sistemi politici di governare la società”: sono “due fenomeni” che “si vanno diffondendo in tanti Paesi e creano situazioni di forte disintegrazione sociale, in cui diventa sempre più difficile realizzare forme di partecipazione sociale ispirate a principi di giustizia, solidarietà e fraternità”. A lanciare oggi il grido d’allarme è la Pontificia Accademia delle scienze sociali (Pass), a conclusione della sessione plenaria che ha avuto per tema: “Verso una società partecipativa: nuove strade per l’integrazione sociale e culturale”. (clicca qui)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia