Pace: Sermig, a Padova il V appuntamento mondiale con migliaia di giovani “L’odio non ci fermerà”

Il 5° appuntamento mondiale dei Giovani della Pace organizzato dal Sermig di Torino si svolgerà quest’anno a Padova, in Prato della Valle, sabato 13 maggio a partire dalle 14,30. Un incontro a cui parteciperanno decine di migliaia di giovani da tutta Italia e altri Paesi del mondo. Lo slogan è “L’odio non ci fermerà. Ripartiamo dall’amore”. Tra le testimonianze, Giorgia Benusiglio, giovane milanese salvata per un soffio dopo aver assunto mezza pasticca di ecstasy e da allora impegnata con i ragazzi delle scuole sul tema della prevenzione e della sensibilizzazione contro le droghe; Abdullahi Ahmed, giovane di Mogadiscio che racconterà la sua esperienza di integrazione nella città di Settimo Torinese; Sammy Basso, giovane veneto, che spiegherà ai ragazzi la sua storia di impegno e speranza e la sua malattia rara: la progeria. E ancora, Rosaria ed Emanuele Schifani, moglie e figlio di Vito, uno degli agenti della scorta di Giovanni Falcone, morto nell’attentato di Capaci del 23 maggio 1992. Insieme a loro, decine di “Punti di Pace”, ovvero azioni di bene dei giovani, lì dove sono, nella scuola, nel lavoro, in famiglia, nella società.

Tutto confluirà nella nuova Carta dei Giovani, presentata da Ernesto Olivero, fondatore del Sermig. “Sarà una carta di impegni concreti – spiega – perché i giovani sono pronti a fare la propria parte. Cercano adulti credibili, pronti ad ammettere gli errori del passato e disponibili a scrivere insieme una nuova pagina della storia. Perché il mondo può cambiare, ma solo se ognuno è pronto a mettersi in gioco”. L’incontro in Prato della Valle sarà anticipato al mattino dall’iniziativa “Dialogo in città”: dieci incontri sui temi dell’economia, della pace, dell’educazione, dell’ambiente. Dialogheranno con i giovani l’economista Stefano Zamagni, la ballerina Simona Atzori, Giorgia Benusiglio, l’ex ministro delle minoranze del Pakistan Paul Bhatti, il monaco cistercense Cesare Falletti, il responsabile della Protezione Civile Fabrizio Curcio, il frate domenicano Claudio Monge, il direttore di Avvenire Marco Tarquinio, i detenuti del carcere di Padova, Caterina Bellandi. L’evento sarà trasmesso in streaming sul sito www.sermig.org, e in diretta sui social tramite gli hashtag #padovapace e #ricominciodaqui. Nella serata del 12 maggio vi sarà una marcia silenziosa dalla chiesa di San Leopoldo Mandic fino alla Basilica di Sant’Antonio dove alle 21 avrà luogo la veglia di preghiera “Dal silenzio al dialogo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy